sabato 31 ottobre 2015

Buon Samhain!


Auguro a tutti un ottimo Samhain, che ci apra le porte dell'inverno come un periodo di raccoglimento prima della rinascita!
E a proposito di Samhain vi lascio un post curioso e interessante:
A proposito di Halloween

Felice autunno!

venerdì 2 ottobre 2015

3 ricette per 3 problemi autunnali: capelli, pelle, abbronzatura

Capelli che cadono, pelle screpolata, abbronzatura che scolora... si può fare qualcosa?
Intervista di Nike a Samantha Fumagalli, autrice del libro Se la pelle potesse scegliere.

Nike: Buongiorno Samantha,
da poche settimane è uscito il tuo libro Se la pelle potesse scegliere, in cui sveli i segreti per mantenere la pelle bella e luminosa attraverso l’alimentazione, uno stile di vita sano e soprattutto l’uso sapiente di oli vegetali, oleoliti e oli essenziali. Hai voglia di aiutare le nostre lettrici e, perché no, anche i lettori ad affrontare al meglio la nuova stagione?

laboratorio
Samantha: Buongiorno a te e buon autunno a tutti i lettori!
Sono contenta che tu abbia pensato a me per questo compito.
Chiedi pure e vediamo che cosa trovo nel ricettario dell’Alchimista

N: Distillati, macerati, oleoliti, elisir… sì, sembra davvero di essere finiti nel laboratorio di un Alchimista. Dunque, vediamo se, consultando il tuo ricettario, riesci a trovare i rimedi per i 3 problemi tipici di questa stagione.

S: Va bene. Spara...

N: Con i primi freddi, la pelle inizia ad assomigliare sempre più all’argilla secca, dobbiamo rassegnarci a guardare l’abisso nel fondo dei crepacci oppure c’è qualcosa che si può fare?

pelle screpolata
S: Be’, l’abisso è sempre molto intrigante da sondare, ma per chi preferisce non farlo attraverso le crepe cutanee, direi che una soluzione c’è e si chiama esfoliazione.
I trattamenti esfolianti, noti come scrub o peeling, servono per rimuovere le cellule morte presenti nello strato superficiale della pelle, in modo da renderla più liscia e luminosa e promuovere il naturale rinnovamento cutaneo.
Una ricetta semplicissima e molto economica, che si può fare in casa, consiste nel miscelare i seguenti ingredienti:
- 2 cucchiaini di miele
- 3 cucchiaini di olio di mandorle dolci (va bene anche l’olio extravergine d’oliva, ma quello di mandorle ha un aroma più gradevole)
- 2 cucchiaini di zucchero integrale di canna (quello fine e pastoso)
- 2 cucchiaino di sale fino
- 1 cucchiaino di limone
Si amalgamano bene tutti gli ingredienti, fino a ottenere un composto omogeneo che si stende sulla pelle bagnata (consiglio di farlo direttamente sotto la doccia, chiudendo il getto dell’acqua per il tempo necessario), poi si massaggia delicatamente per qualche minuto. Alla fine, basta risciacquare il corpo e il gioco è fatto.
Questo esfoliante, naturale e delicato, è adatto anche alla pelle del viso (ovviamente facendo attenzione agli occhi).

olio nutrire la pelle
N: Fantastico! Finalmente una ricetta con tutti i prodotti a portata di… dispensa. Mi metterò all’opera in questo week-end, garantito.
E ora passiamo al secondo problema: l’abbronzatura. Per quanto mi riguarda, è ormai un lontano ricordo, ma per i fortunati che ancora possono vantare un bel colorito ambrato che cosa consiglieresti per farlo durare il più a lungo possibile?

S: L’abbronzatura è una sorta di meccanismo di difesa della pelle nei confronti dei raggi solari, che consiste nella produzione del pigmento melanina da parte di cellule specializzate, i melanociti. Queste cellule si trovano nell’epidermide, che è lo strato più superficiale della pelle, costituito per lo più da cellule che stanno terminando o hanno terminato il loro ciclo vitale. Per questo l’abbronzatura svanisce alla svelta. Conviene farsene una ragione: nel giro di un mese l’epidermide si rinnova completamente e, senza nuove esposizioni al sole, si torna al colorito naturale.
Più che di prolungare l’abbronzatura, quindi, si dovrebbe parlare di evitare di scolorirsi anzitempo e per farlo occorre mantenere la pelle idratata e nutrita; innanzitutto, bevendo molta acqua per idratarsi dall’interno.
Per le cure esterne, invece, è ottimo l’oleolito di carota, che nutre la cute e stimola la produzione di melanina, da alternare all’olio di avocado, ricco di vitamine liposolubili, steroli e lecitine, che ha un alto potere rigenerante e ristrutturante.

caduta capelli
N: Bene, siamo arrivati all’ultimo quesito: i capelli. Si dice che perderne anche 100 al giorno sia fisiologico e non si rischia la calvizie. Cosa facciamo, allora, li contiamo per scoprire se siamo dentro i limiti o c’è qualche trucco nel tuo ricettario magico?

S: A contarli si rischia la calvizie per nevrosi! Meglio optare per un rimedio dolce, che male non fa in ogni caso.
Un alleato eccezionale dei capelli è l’olio essenziale di rosmarino: attiva la circolazione sanguigna, disinfiamma, tonifica e purifica la pelle. Dopo lo shampoo, si applicano 3-4 gocce di essenza pura direttamente sul cuoio capelluto ancora bagnato e si massaggia delicatamente per cinque-dieci minuti, muovendo la cute con i polpastrelli (non strofinare), preferibilmente a testa in giù. Prima del lavaggio, invece, si può intervenire con l’olio di cocco: con cute e capelli umidi, massaggiare piccole dosi di olio di cocco sul cuoio capelluto, come antiforfora e anticaduta, e applicare generosamente sul resto della chioma, per ricostituire il fusto e contrastare le doppie punte. Lasciare agire mezz’ora e poi procedere al normale lavaggio.

N: Sembra tutto molto semplice e veloce

S: Lo è. Pochi minuti, due o tre volte alla settimana, possiamo trovarli anche noi, figli della fretta e dell’alta velocità.

N: Sarebbe meglio imparare uno stile slow life, però.

S: Sì, Nike, ma quella è un’altra storia.

N: Già, e forse un altro libro…

S: …

N: Arrivederci, Samantha. E grazie!

S: Grazie a te. Alla prossima.

Per saperne di più:
Se la pelle potesse scegliere di Samantha Fumagalli
Libro: Euro 10,00
Youcanprint
IBS
Ebook: Euro 3,99
Amazon